Alla scoperta delle bellezze di Formentera: le spiagge più belle dove andare e non solo

venerdì 18 settembre 2020

Meta imprescindibile per tutti gli amanti del mare e della vita da spiaggia, Formentera è un appuntamento fisso per tantissimi italiani. Sono sempre di più gli amanti della “isla bonita” che, anno dopo anno, si danno appuntamento ai caratteristici chiringuitos Lucky Bar o Piratabus.

Perché l'isola, estesa solo 83 km², risulta essere la casa o meglio il “buen retiro” per chiunque desideri una settimana di totale relax. E quale posto migliore se non Formentera? Risulta essere un paradiso a portata di mano, infatti in due ore scarse di volo si raggiunge la vicina isola di Ibiza dove bisogna prendere il traghetto per Formentera ed in soli 30 minuti sarete a destinazione.




Rinomata per le spiagge caraibiche è proprio il mare a rappresentare il suo punto di forza: senza fare ore ed ore di voli per raggiungere i remoti atolli dell'Oceano Pacifico, vi ritroverete in acque a dir poco cristalline. Il motivo della trasparenza del mare di Formentera è un segreto oramai svelato da tempo: la presenza massiccia di praterie di Posidonia Oceanica permette l'ossigenazione delle acque e la contemporanea tutela delle coste (sia da agenti inquinanti, sia dall'erosione). È dunque per questo motivo che vi troverete a fare il bagno in piscine naturali dai colori di ineguagliabile bellezza. 

Tra le spiagge più belle citiamo la celebre Platja de Ses Illetes situata nel versante nord dell'isola. Inserita all'interno del Parque Natural de Ses Salines, affascina chiunque la visiti per la prima volta e non solo. Una distesa di sabbia bianca che incontra un mare trasparente è quanto di più idilliaco ci si possa aspettare.
Qui potrete ammirare il fenomeno della spiaggia rosa: sul bagnasciuga non sarà raro vedere minuscoli frammenti di polvere corallina donare alla spiaggia la particolare colorazione rosea. 




Un altro luogo molto famoso e super fotografato è Calò des Mort, una piccola ed incantevole caletta situata alla fine della costa di Migjorn. Se vorrete visitarla vi suggeriamo di essere mattinieri poiché le sue ridotte dimensioni fanno sì che si popoli in men che non si dica. Se volete evitare l'effetto sardina dovrete quindi rinunciare ai bagordi serali ma, siamo certi che, l'indomani non ve ne pentirete.
Calò des Mort infatti, racchiusa tra alte scogliere che la proteggono da correnti, presenta un'acqua sempre molto calma ma, ciò che più stupisce sono le infinite sfumature di azzurro dell'acqua: uniche ed inimitabili rispetto al resto dell'isola. 



Ma Formentera non è solo bel mare e lunghe spiagge sabbiose: ciò che la rende così famosa e tanto amata risiede nella sua anima, in quel genius loci che la differenzia da tutte le altre mete. L'isola emana sentimenti come quelli di libertà, spensieratezza e profondo amore per la natura. Nonostante sia spesso alla ribalta per la presenza dei numerosi vip che vi trascorrono le vacanze, questo fazzoletto di terra ha saputo mantenere una aurea semplice e genuina. Le sue stradine sterrate, i suoi muretti a secco e la semplicità del popolo che la abita rispecchiano appieno la sua vera identità. 

Per tale motivo, se siete alla ricerca di voi stessi e di un vero contatto con madre natura, Formentera è un’ottima scelta. Un modo piacevole per esplorarla ed amarla nel suo intimo è per esempio quello di percorrere i suoi 20 circuiti verdi, percorsi ideati dal Consell Insular di Formentera, che permettono di scoprire l'isola da un punto di vista inedito. Se non siete dei pigroni porterete a casa fotografie degne di una cartolina ma soprattutto dei ricordi che diventeranno indelebili. Uno dei percorsi più battuti e caratterizzato da rara bellezza è il Camino Romano conosciuto anche come Camì de Sa Pujada



Questo percorso, che ha inizio dal piccolo centro abitato di Es Calò e conduce fino ad un punto panoramico, chiamato non a caso El Mirador, è un sentiero in salita (ma di facile percorribilità) che vi permetterà di assistere a scenari unici
 Osservare l'isola dall'alto, immergersi nei suoi profumi e scoprirla man mano che si sale di quota vi garantiamo che sarà una delle esperienze più belle della vostra vacanza. 

Infine, ci sono i fari di Formentera: due simboli legati inevitabilmente al mare che, che con il loro magnetismo e la loro posizione che li elegge a guardiani dell'isola, riusciranno a farvi commuovere. Uno si trova ad ovest ed è il faro di Cap de Barbaria. Inaugurato nel 1971 è alto quasi 18 metri per 3 di diametro. Per raggiungerlo dovrete fare una suggestiva passeggiata che vi condurrà al suo cospetto. Una volta che vi troverete da soli su quelle inospitali scogliere capirete perché la vita di un isolano non è sempre così rose e fiori. Lasciatevi spettinare dal vento, osservate il tramonto infuocato e siamo certi che ritornerete quasi malinconici da quella visita così ricca di pathos.



 L'altro faro, altrettanto emozionante, è quello che si trova sull'altopiano della Mola. Potrete raggiungerlo in motorino ma anche qui, se vorrete entrare più in contato con la natura, vi suggeriamo di lasciare il vostro mezzo a debita distanza. Camminate e raggiungetelo pian piano. Infine, se ne avrete il coraggio, affacciatevi dalle alte scogliere, le più impervie di tutta Formentera: vedrete il mare impetuoso che, senza alcuna pietà, sbatte violento contro quest'isola dall'animo fragile.

Posta un commento